Il linfogranuloma venereo (LGV)

Che cos’è l’LGV?

Il linfogranuloma venereo (LGV) è un’infezione sessualmen- te trasmissibile causata da sottotipi del batterio Chlamydia trachomatis. Tra la popolazione in generale, l’LGV si manifesta molto raramente. Tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (MSM), quest’infezione è invece più frequente.

Come si trasmette?

L’LGV si trasmette attraverso i rapporti sessuali vaginali, orali e anali non protetti.

Quali sono i sintomi e le conseguenze?

Nello stadio primario, si manifesta un’ulcera nel punto di ingresso dell’agente patogeno (pene, vagina, ano o bocca), la quale passa spesso inosservata perché indolore. Nello stadio secondario, i sintomi tipici sono: linfonodi ingrossati, dolori e febbre, sanguinamenti e secrezioni purulenti da pene, vagina o ano. Anche questo stadio può avere un decorso asintomatico. Se non trattata tempestivamente, l’infezione può causare gravi lesioni cicatriziali che richiedono un inter- vento chirurgico.

Come viene diagnosticato?

Innanzitutto viene effettuato uno striscio dell’area infetta per accertare la presenza di clamidie. Se l’esito è positivo, si cerca l’LGV. Poiché l’infezione può avere un decorso asintomatico, le persone a rischio (MSM con più partner all’anno) farebbero bene a sottoporsi regolarmente all’esame, anche in assenza di disturbi.

Come viene trattato?

L’infezione da LGV può essere curata con antibiotici. Le alterazioni cutanee e i tessuti cicatriziali interni devono essere rimossi chirurgicamente.

Il trattamento deve essere esteso anche ai partner sessuali?

Le persone affette da LGV devono cercare di risalire, insieme al loro medico, alla persona da cui potrebbero aver contratto l’infezione e a chi potrebbero averla trasmessa. Tutti i partner sessuali così individuati devono essere informati della diagnosi affinché possano sottoporsi agli esami del caso e, all’occorrenza, iniziare il trattamento appropriato.

Nelle relazioni sessuali durature, i partner devono sottoporsi contemporaneamente alla cura e rispettare le regole del sesso sicuro finché entrambi sono guariti per evitare la reinfezione reciproca.

Se non trattato, l’LGV può provocare problemi di salute in un secondo momento.

Per suggerimenti su come affrontare l’argomento o informazioni su ulteriori possibilità di sostegno, consultare il sito web www.lovelife.ch

Come fare per prevenire una infezione?

I partner sessuali devono sottoporsi contemporaneamente alla cura per escludere il rischio di un effetto ping-pong (ossia di reinfezione reciproca).
L’uso del preservativo e altre misure diminuiscono il rischio d’infettarsi. Occorre pertanto rispettare le seguenti regole:

  1. Sesso vaginale e anale con il preservativo
  2. E perché ognuno/-a lo ama a modo suo: fare il safer sex check personale su lovelife.ch

Nonostante ciò, si può comunque verificare un’infezione che è importante riconoscere in modo precoce.

La persona resta contagiosa anche durante il trattamento. La soluzione migliore consiste quindi nel rinunciare ai rap-porti sessuali durante la cura con gli antibiotici. Se non fosse possibile, andrebbe assolutamente usato il preservativo.

Si raccomanda a chi cambia spesso partner sessuale o ne ha contemporaneamente più di uno di consultarsi con il proprio medico o un altro specialista sull’HIV e su altre infezioni sessualmente trasmissibili e valutare la necessità di fare dei test.

Fonte : Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), scheda informativa Linfogranuloma venereo (LGV), lovelife.ch