Protezione grazie alla terapia

Le persone sieropositive che seguono una terapia efficace con una carica virale non rilevabile non possono trasmettere il virus sessualmente. Una terapia antiretrovirale efficace protegge quindi da una trasmissione dell’HIV.

Come funziona la protezione con i farmaci contro l’HIV?

I farmaci contro l’HIV impediscono al virus di proliferare nell’organismo di una persona sieropositiva. Dopo qualche tempo, con una terapia efficace il virus HI non è più rilevabile nel sangue. In questo caso si parla di una «carica virale al disotto della soglia di rilevabilità». Il virus HI non è più rilevabile nemmeno nello sperma, nelle secrezioni vaginali, in altri fluidi corporei e nelle mucose. Una trasmissione dell’HIV da un partner sessuale all’altro è quindi estremamente improbabile.

In che misura è sicura la protezione tramite farmaci?

Diversi studi hanno dimostrato che una terapia efficace protegge da una trasmissione dell’HIV in modo altrettanto affidabile quanto i preservativi. Una certezza assoluta non è data in nessuno dei due casi, poiché possono verificarsi degli incidenti anche con il preservativo. Entrambi i metodi hanno comunque un effetto protettivo elevato.

Quali condizioni devono essere soddisfatte affinché le terapie siano efficaci?

La carica virale deve essere al disotto della soglia di rilevabilità da almeno sei mesi e la persona sieropositiva deve assumere i farmaci regolarmente. L’osservazione delle condizioni deve essere controllata ogni tre mesi tramite esami del sangue in un centro medico specializzato in HIV.

Posso sentirmi sicuro se soddisfo le condizioni?

La questione principale è sapere se le condizioni sono davvero soddisfatte. Le persone sieropositive possono chiarire questi dubbi con il proprio medico.

Le persone sieronegative o che non si sono sottoposte a un test devono discuterne con il proprio partner sieropositivo. Ogni singola persona deve decidere da sé si fida del partner e sceglie di fare sesso senza preservativo. Le coppie dovrebbero rinunciare all’uso del preservativo solo se entrambi i partner sono ben informati e a proprio agio con la decisione presa.

Ciò è sicuramente più difficile nel caso di più partner sessuali, poiché il rapporto di fiducia non sussiste. In caso di dubbio, l’Aiuto Aids Svizzero raccomanda di usare il preservativo.

La carica virale può aumentare di nuovo e quindi incrementare anche la possibilità di una trasmissione?

Questo può succedere soprattutto quando i farmaci non vengono assunti regolarmente. Dopo un certo tempo l’efficacia della terapia può diminuire anche per altri motivi. Ecco perché è importante controllare regolarmente la carica virale, di norma ogni tre mesi.

È possibile che la carica virale aumenti se la persona sieropositiva è affetta da sifilide o da un’altra infezione sessualmente trasmissibile?

Sì, ma con una terapia efficace l’incremento risulta comunque minimo cosicché una trasmissione dell’HIV è ancora praticamente da escludere.

Non è più sicuro continuare a utilizzare dei preservativi in aggiunta alla terapia?

È sicuramente la soluzione più sicura. Il risultato della somma dei due metodi è una protezione massima. Tuttavia, i preservativi e la terapia antiretrovirale offrono già singolarmente una protezione molto elevata.

Quali altri argomenti parlano a favore del preservativo?

I preservativi riducono il rischio di contrarre un’altra infezione sessualmente trasmissibile (p. es. sifilide, gonorrea e clamidia).

Ulteriori informazion:  #undetectable: Sieropositivo e non più contagioso?