HIV e salute mentale

La salute fisica e la salute mentale sono strettamente collegate. Le persone sieropositive dovrebbero pertanto curare anche la salute mentale.

©simonthon/photocase.de

HIV e depressioni

Uno svizzero su cinque soffre nel corso della propria vita di una depressione. Particolarmente vulnerabili sono le persone con una malattia cronica, quindi anche le persone sieropositive.

Le depressioni non sono un semplice stato di tristezza. Durano più a lungo e possono avere effetti negativi, ad esempio sulla vita professionale o sulla vostra relazione. Per fortuna oggi esistono buone possibilità di trattamento. Il passo più importante per uscire da una depressione è riconoscerla come tale. Solo così si potrà ricorrere a un aiuto professionale e affrontare il problema direttamente.

I seguenti fattori possono provocare una crisi emotiva nelle persone sieropositive:

  • la notifica del risultato di sieropositività;
  • il timore di stigmatizzazione, esclusione, emarginazione;
  • l’inizio di una terapia antiretrovirale;
  • gli effetti collaterali della terapia;
  • un necessario cambiamento di terapia.

Quando la paura domina sulla quotidianità

Può accadere, ed è assolutamente normale, che le persone sieropositive siano assalite da paure: paura di un’esclusione sociale o professionale, paura degli effetti a lungo termine dei medicinali, di un contagio con altre infezioni o paura di contagiare il proprio partner. Il problema nasce quando le paure diventano così gravi da dominare tutta la vita.

Siamo di fronte a un disturbo d’ansia quando le paure

  • si manifestano senza un vero pericolo o si protraggono anche quando il pericolo iniziale è eliminato;
  • si manifestano troppo a lungo, troppo spesso e con virulenza esagerata;
  • sono collegate a disturbi fisici;
  • non sono controllabili;
  • provocano paura della paura;
  • ci portano ad evitare determinate situazioni, che non comportano in realtà alcun pericolo;
  • comportano una notevole sofferenza.


Se temete di soffrire di disturbi psichici contattate uno specialista (medico di famiglia, psicologo, psichiatra).

Pro Mente Sana
Consulenza telefonica anonima
Tel. 0848 800 858
Lu, Ma, Gio dalle 9 alle 12; Gio dalle 14 alle 17
www.promentesana.ch

Telefono amico
Assistenza telefonica anonima in situazioni di crisi
Tel. 143
www.143.ch

Queer-talk (consulenza e psicoterapia)
Checkpoint Zürich per uomini gay.
Tel.079 933 41 82
www.checkpoint.ch

Anche gli Aiuti Aids regionali dispongono di indirizzi di psicologi.

Informazione per migranti: consultate l’elenco degli psicoterapeuti che parlano una lingua straniera. Nelle grandi città vengono offerte ore di consulenza psicologica per i migranti, soprattutto nelle cliniche psichiatriche, con interpreti vincolati all’obbligo del segreto professionale.

In caso di emergenze: se non riuscite a contattare il vostro medico, rivolgetevi ai servizi di pronto soccorso o ai servizi psichiatrici ambulatoriali, p. es. servizio psichiatrico esterno, policlinico psichiatrico, ecc.

Le casse malati coprono solo determinati trattamenti psicoterapeutici. Chiarite la questione dei costi con il terapeuta durante la prima ora.