Cassa malati

Nell’ambito della cassa malati sorgono continuamente diversi interrogativi. L’assicurazione di base si assume tutti i costi di trattamento dell’HIV o bisogna assumersi una parte dei costi? Come vengono regolate le cure sanitarie all’estero e le assicurazioni complementari?

L’assicurazione malattia obbligatoria deve assumersi i costi di trattamento all’estero?

In linea di massima, l’assicurazione malattia obbligatoria rimborsa unicamente le cure fornite in Svizzera. Nel caso di soggiorni all’estero, l’assicurazione di base si assume i costi dei trattamenti di emergenza in tutto il mondo. Un’emergenza si verifica quando si rende necessario un trattamento medico e un rimpatrio in Svizzera non è ragionevolmente esigibile. L’assicurazione di base si assume i trattamenti ambulatoriali, le cure ospedaliere nonché i medicinali prescritti dal medico e le analisi eseguite in laboratorio. Viene pagato al massimo il doppio di quanto sarebbe stato rimborsato in Svizzera (nei paesi quali gli Stati Uniti, il Canada e il Giappone, dove i costi sanitari sono molto elevati, la copertura dei costi dell’assicurazione di base non è sufficiente). Se avete bisogno di assistenza medica in un paese UE/AELS, la cassa malati si assume i costi dei farmaci necessari e delle cure mediche e ospedaliere. Per non pagare direttamente in loco i costi dei vari trattamenti, avete bisogno della tessera europea di assicurazione malattia che potete richiedere presso la vostra cassa malati.

Posso stipulare un’assicurazione di base e un’assicurazione complementare presso una cassa malati se sono sieropositivo?

Ogni persona domiciliata in Svizzera è tenuta a stipulare un’assicurazione malattia. Dal canto loro, le assicurazioni hanno l’obbligo di accettare nell’assicurazione di base tutte le persone, indipendentemente dal loro stato di salute. L’assicurazione di base copre tutti i costi necessari per il trattamento dell’HIV. Per quanto riguarda l’assicurazione complementare, gli assicuratori possono scegliere liberamente chi assicurare secondo il principio della libertà contrattuale. Attualmente non esiste nessuna cassa malati che offre un’assicurazione complementare a una persona sieropositiva.

Qual è la percentuale dei costi di cure e farmaci assunta dalla cassa malati ogni anno?

Gli assicurati devono pagare un importo annuo fisso (franchigia) nonché il 10% dei costi che superano tale franchigia. La franchigia è di 300 franchi l’anno, a meno che non ne sia stata stipulata una più elevata. L’aliquota percentuale annua ammonta al massimo a 700 franchi per gli adulti. Ciò significa che gli assicurati devono pagare di tasca propria al massimo 1000 franchi dei costi l’anno. Alle persone sieropositive che hanno bisogno di controlli medici regolari e devono assumere medicinali antiretrovirali consigliamo pertanto di scegliere la franchigia più bassa, pari a 300 franchi l’anno.