Sesso anale

Il sesso anale non protetto è la pratica sessuale che presenta il maggior rischio di contagio con il virus dell’HIV, anche senza eiaculazione. In caso di rottura del preservativo o di «incidente» contattate subito un centro di consulenza.

Noi, un uomo e una donna, vorremmo provare a fare del sesso anale. Qual è il miglio modo di proteggersi?

I preservativi proteggono da un’infezione da HIV e riducono il rischio di contrarre un’infezione sessualmente trasmissibile. Si consiglia inoltre l’uso di un lubrificante senza grassi, poiché la mucosa dell’ano è molto sensibile.

Noi, due uomini, vorremmo provare a fare del sesso anale. Qual è il miglior modo di proteggersi?

I preservativi proteggono da un’infezione da HIV e riducono il rischio di contrarre un’infezione sessualmente trasmissibile. Per ogni nuovo partner o ogni nuovo contatto usate assolutamente un nuovo preservativo. Utilizzate i preservativi sempre con l’aggiunta di un lubrificante senza grassi.

Per quale motivo il sesso anale presenta un rischio così elevato di contagio da HIV anche senza eiaculazione?

La mucosa rettale è molto sottile e durante il sesso anale tende quasi sempre a rompersi o lacerarsi. Esiste inoltre il rischio di contrarre altre malattie quali l’epatite B, l’herpes e la sifilide.

Occorrono preservativi speciali per il sesso anale?

No. L’Aiuto Aids Svizzero sconsiglia tuttavia l’uso di preservativi ultrasottili o con superfici sagomate. Conviene inoltre utilizzare in aggiunta un lubrificante senza grassi. Non utilizzate mai due preservativi uno sopra l’altro, poiché non offrono maggiore protezione, ma possono invece rompersi a causa dell’attrito.

L’anilingus (stimolazione orale anale) è un rapporto a rischio?

Non per il virus HIV. Tuttavia, leccando la regione anale si possono trasmettere alla persona che lecca altre infezioni sessualmente trasmissibili.

Stimolare l’ano con le dita è pericoloso?

No. Non esiste il rischio di un contagio da HIV. Si possono tuttavia trasmettere altre infezioni sessualmente trasmissibili quali l’herpes, l’epatite A o la gonorrea se dopo il contatto con l’ano le dita entrano in contatto con la bocca.

Ho avuto un rapporto anale con un uomo che si prostituisce. Devo fare un test?

Gli uomini che si prostituiscono fanno sesso con molti uomini. Il rischio di contrarre un’infezione sessualmente trasmissibile è pertanto piuttosto elevato. Se avete fatto sesso anale non protetto o se il preservativo si è rotto, allora contattate subito un centro di consulenza. Un trattamento d’emergenza, PEP, riduce il rischio d’infezione da HIV, ma solo al massimo fino a 48 ore dopo l’esposizione al rischio (la cosa migliore è recarsi subito presso un centro di consulenza). La salute dei ragazzi che si prostituiscono non viene controllata dallo Stato. Se un prostituto vi offre o acconsente a un rapporto sessuale non protetto, significa che lo fa anche con altri uomini. Molto meglio quindi usare i preservativi in ogni rapporto sessuale.

Safer Sex Check vi fornisce consigli personalizzati sulla vostra sessualità su safersexcheck.lovelife.ch